Morto Emilio Ravel, voce del Palio

Barsaba Taglieri
Febbraio 17, 2018

Esponente di una generazione di giornalisti che hanno saputo coniugare l'informazione con l'intrattenimento di qualità.

Questa la nota diffusa ieri dalla Rai per ricordarlo: "Con la scomparsa di Emilio Ravel la televisione perde uno dei suoi pionieri".

In Rai dal 1953, Ravel (cognome d'arte e pseudonimo di Raveggi) è stato tra i fondatori della testata giornalistica, inviato e poi a lungo capo redattore di Tv7, capo della redazione cultura del Tg2 all'epoca di Andrea Barbato.

"Ravel, da sempre legato alla città di Siena, dove era nato, e a tutto il territorio senese, si era trasferito pochi anni fa a Castelnuovo Berardenga e l'amministrazione comunale lo ricorda con grande stima e rispetto per la sua persona e la lunga carriera professionale, rinnovando le condoglianze alla famiglia a nome di tutta la comunità" è il ricordo del Comune di Castelnuovo Berardenga. Dal 2013 al 2015 ha collaborato con la struttura RaiExpo. Ravel è stato inoltre autore di inchieste giornalistiche, testi di narrativa e divulgazione storica, come "Cavalli che correte in piazza quando è estate: gli animali delle contrade del Palio di Siena". Nel 2012 è entrato nel gruppo di Giovanni Minoli per collaborare alla produzione del magazine Dixit Stelle in onda su Rai Storia. "Racconti fantastici e storia vera" (2007, con Idalberto Fei). Con Brando Giordani ha firmato anche la regia e la sceneggiatura del film SuperTotò (1980).

I funerali si terranno domani nel piccolo centro di Castel Nuovo Berardenga, in provincia di Siena, dove si era ritirato da tempo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE