Florida, spari in una scuola Lo sceriffo: "Diverse vittime"

Geronimo Vena
Febbraio 15, 2018

Lo sceriffo della contea di Broward ha spiegato alla stampa che l'allarme all'istituto scolastico Marjory Stoneman Douglas High School a Parkland è scattato quando in Italia erano le 21.15. Ancora da chiarire anche chi sia l'autore del gesto e le ragioni che l'abbiano spinto a farlo.

Durante la sparatoria, le forze dell'ordine hanno ordinato agli studenti e ai docenti di barricarsi nelle aule. Nella sparatoria sarebbe morta una professoressa raggiunta dai colpi del killer mentre con il suo corpo proteggeva uno degli studenti.

Tra le vittime un'insegnante che ha fatto da scudo ai propri piccoli alunni.

Nel campus, che si estende su una vasta area, la scuola accoglie circa 3mila studenti. Il giovane arrestato sarebbe Nicholas Cruz, uno studente, descritto come "ragazzo difficile". Questo è il primo bilancio di una sparatoria avvenuta in una scuola alle 15.15 del pomeriggio. Le immagini aeree riprese da un'emittente affiliata alla Cnn, la Wsvn, mostrano diverse persone ferite a terra davanti alla scuola, mentre vengono curate e trasportate verso le ambulanze.

Parkland - Apre il fuoco in un liceo in Florida, a Parkland. A compiere il gesto, stando ad alcune fonti, uno studente ventenne. I dati sono forniti da Everytown For Gun Safety, associazione che si batte per un maggior controllo sulla vendita delle armi da fuoco. Immediato il tweet del presidente americano: "Nessun bambino, nessun insegnante o qualunque altra persona dovrebbe mai sentirsi insicuro in una scuola americana".

Sono almeno 19 le scuole americane in cui dall'inizio dell'anno si è verificata una sparatoria.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE