Bollette a 28 giorni: controlli a tappeto della Finanza

Paterniano Del Favero
Febbraio 15, 2018

Esultano le associazioni dei consumatori.

Blitz a sorpresa del Nucleo speciale antitrust della Guardia di Finanza, su richiesta dell'Autorità garante concorrenza e mercato, nelle sedi dei principali operatori di telefonia fissa e mobile e in quella della Assotelecomunicazioni di Roma.

Le verifiche riguardano possibili intese non autorizzate tra operatori sulle tariffe, che avrebbero limitato la concorrenza al fine di "aggirare" l'obbligo di garantire agli utenti la fatturazione mensile della bolletta e non più a 28 giorni.

Il sospetto dell'Antitrust è che le compagnie telefoniche abbiano sottoscritto accordi sulla fatturazione delle bollette, che ridiventerà mensile, e sugli aumenti tariffari, adeguati all'aumento del periodo considerato. Nello specifico, l'Antitrust potrebbe aprire un'indagine sul caso delle bollette a 28 giorni per via delle ipotesi finora avanzate, secondo le quali potrebbe esserci una regia che andrebbe a coordinare le varie società in riferimento alla durata delle fatturazioni, andando quindi a violare i diritti dei consumatori.

"Abbiamo presentato ormai decine di esposti tra Antitrust e Autorità. È ora, poi, che finalmente si rimborsino gli utenti e che le compagnie stornino quanto hanno indebitamente incassato a partire dal 23 giugno 2017" conclude Dona.

Il 24 gennaio, quando hanno annunciato il ritorno alla tariffazione solare (mensile) a partire da aprile, Tim e Vodafone hanno anche dato conto di aumenti dell'8,6 per cento delle tariffe su base annua. "Per questo motivo, il Codacons ha presentato un esposto all'Antitrust", scrive l'associazione consumatori.

Le ispezioni, in ogni caso, hanno interessato anche Fastweb e WindTre. Quest'ultima, nella data dello scorso 24 ottobre a differenza degli altri operatori non aveva annunciato aumenti in vista pur lasciando intendere che si sarebbero verificati dal prossimo ottobre.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE