PRINCIPE HENRIK È MORTO/ Danimarca: l'ultima richiesta del marito di Margherita II

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 14, 2018

Se ne è andato, dopo una lunga malattia, Henrik, il principe consorte di Danimarca. "La decisione di non essere sepolto accanto alla moglie è per il principe la naturale conseguenza del non essere stato trattato alla pari", aveva dichiarato la portavoce della casa reale, Lene Balleby, al tabloid di Copenaghen BT.

Tutto ebbe inizio nel 1972, quando Margrethe ascese al trono dopo la morte del padre Frederick IX. Henrik, che la principessa aveva conosciuto a un party a Londra nel 1965, chiese alla moglie di veder riconosciuta la sua importanza con il titolo di re o re consorte, forte dell'assenza di precedenti, giacché solo un'altra donna sedette sul trono di Danimarca sei secoli prima, Margrethe I, e il marito Haakon era a sua volta re di Norvegia.

Il Principe Henrik non riposerà accanto alla sua Regina. Per sposare Margherita, Henrik si convertì al protestantesimo. Il principe si era ritirato dal servizio pubblico nel 2016. Fino all'estate scorsa, a quel colpo di cannone sparato pensando alla morte imminente che qualcuno provò a bollare come il segnale di una mente che cominciava a offuscarsi. Un desiderio "ribelle" che, con molta probabilità, non verrà rispettato. Nel 1967 aveva sposato la regina Margrethe, dalla quale aveva avutoi due figli Fredryk, erede al trono, e Joachim. Già nel 2002, aveva apertamente espresso il suo disappunto. Principe a vita, Henrik era comunque rimasto sempre fedele ai suoi doveri "reali".

Henri Marie Jean André de Laborde de Monpezat (questo il nome completo del Principe), è nato nel 1934 a Talence, nel dipartimento della Gironda in Francia, e ha studiato legge e scienze politiche all'università Sorbona di Parigi. Il presidente Macron e la moglie Brigitte indirizzano "alla regina Margherita II, ai i figli Frederik e Gioacchino, ai suoi nipoti e alla gente di Danimarca, le loro sincere condoglianze".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE