Carabiniere morto durante esercitazione

Bruno Cirelli
Febbraio 14, 2018

In questo passaggio pero' qualcosa non ha funzionato ed e' su questo che si sta concentrando l'indagine della procura, coordinata dalla pm Sara Arduini e dall'aggiunto Tiziana Siciliano e operata dal nucleo investigativo dei carabineri di Milano. E' deceduto poco fa al Policlinico di Milano, dove è stato portato d'urgenza.

Secondo quanto si è appreso, il collega che ha sparato è ricoverato in stato di choc. E invece: può bastare un errore, un colpo accidentale, come quello che si ritiene sia partito, per compromettere una vita.

L'intera Arma dei Carabinieri si stringe compatta intorno ai familiari di Andrea Vizzi, ai quali esprime il più sentito cordoglio. Non è chiara ancora l'esatta dinamica del fatto, ma è quasi certo che sia avvenuto per puro caso durante una fase di riposo: Vizzi, infatti, quando è stato raggiunto dal proiettile non indossava il caratteristico giubbotto antiproiettile che, assieme all'elmetto in kevlar, costituisce la tradizionale "divisa" delle Api. I militari, di cui stiamo parlando, sono addestrati per azioni di emergenza e antiterrorismo volte a garantire la sicurezza dei cittadini. Le prime ricostruzioni stanno comunque escludendo in maniera quasi certa la volontarietà dell'accaduto, il colpo che ha ucciso il 33enne è partito per un tragico incidente, colpendo in pieno petto la vittima e uccidendola sul colpo.

Un carabiniere è morto all'interno della caserma Montebello in via Vincenzo Monti, a Milano. Un collega del militare di 27 anni, un allievo carabiniere, lo ha sparato accidentalmente. E' morto durante il trasporto in ospedale. Ma per Vizzi, ormai, la situazione era già compromessa. Questa mattina, però, è stato dimesso e proprio in queste ore sta verbalizzando il suo racconto dei fatti. Finora sono pochi i dettagli emersi in merito a questa terribile tragedia.

Il Comando generale che ha espresso la propria vicinanza alla famiglia di Vizzi, ha definito l'incidente una tragica fatalità.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE