Bike sharing, GoBee lascia l'Italia: "Troppi atti di vandalismo"

Paterniano Del Favero
Febbraio 14, 2018

Lo scorso autunno Gobee bike ha iniziato la sua avventura in diverse città europee. Era il 13 dicembre quando Gobee Bike si presentava ai romani con 400 biciclette color verde nel I e nel IX Municipio, destinate a diventare, secondo gli obiettivi dichiarati dagli organizzatori, ben 1.800. "Con tristezza annunciamo ufficialmente la fine del servizio di Gobee.bike in Italia", si spiega in una comunicazione che la società ha inviato agli abbonati del servizio. Nelle ultime settimane i danni alla nostra flotta hanno raggiunto limiti che non possiamo più contenere con le nostre forze e con le nostre risorse.

Era arrivato come altri servizi analoghi, qualche mese fa accolto con grande entusiasmo dagli amanti delle due ruote, ma la maleducazione ha costretto, la start-up con sede ad Hong Kong, ad interrompere il servizio.

"Durante i mesi di dicembre e gennaio- spiega l'azienda a chi si è iscritto-, le nostre biciclette sono diventate il bersaglio di sistematici atti di vandalismo, trasformandosi così in oggetti da distruggere per puro divertimento". Mediamente, il 60 per cento della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti, vandalismi o è stato oggetto di fenomeni di privatizzazione. Sono stati infatti i ripetuti atti di vandalismo a mandare in crisi il servizio. "Per questi motivi non c'è stata nessun'altra opzione se non procedere al termine del servizio a livello nazionale e continentale", si legge nella mail inviata alla community di utenti. Ora, conclude l'assessore che, lunedì in Consiglio, aveva espresso l'insoddisfazione dell'amministrazione sul servizio e chiesto risposte alla società, "andiamo avanti e con gli uffici sceglieremo il prossimo operatore in base alle domande che sono state presentate nell'ambito del bando".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE