Real Madrid, Zidane: "Un momento inaccettabile, il responsabile sono io"

Rufina Vignone
Febbraio 12, 2018

Zinedine Zidane si prepara alla sfida contro il Psg in Champions League, decisiva per la sua panchina e per la stagione del Real Madrid visto che le speranze in Liga, a -17 dal Barcellona, sono al lumicino.

"La situazione è nuova, ma bisogna viverla, fa parte del lavoro". No, sono io il responsabile di tutto questo. "Cosa fare per mettere a tacere le critiche?" Zizou, due Champions e una Liga negli ultimi due anni tra le altre cose, sa che l'incrocio col PSG vale più di un semplice ottavo di finale: "Sono una grande squadra, migliorano ogni anno e stanno facendo una stagione incredibile", dice il tecnico francese che elogia il suo collega: "La gestione di Unai Emery è buona, sono i risultati a parlare per lui. Alla fine conta è il risultato, O vinci o sei criticato, specialmente in questi top club". Guardo a questa partita senza pensare alla prossima stagione. Non accetto la parola crisi ma per le nostre ambizioni viviamo un momento inaccettabile, dobbiamo accettarlo e ripartire: "mica ci siamo dimenticati di come si gioca a calcio". "Magari ad una terza vita, per prendersi veramente cura degli altri". "E' una squadra ed un club che stanno cambiando. Ritengo che Mbappè sia un giocatore eccezionale". Non lo so, ma penso a lavorare e non alle solite voci dei giornalisti. "Neymar al Real? Non m'interessa".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE