Juventus, Allegri: "Partita gestita bene, non possiamo sempre giocare al 100%"

Rufina Vignone
Febbraio 12, 2018

"A proposito del numero 33 bianconero, quella di domani sarà una sfida da ex per lui: Federico ha fatto la propria scelta professionale". Domani andrà in campo la formazione migliore e dobbiamo vincere, poi penseremo a creare le basi per passare col Tottenham.

"Bisogna fargli i complimenti per come sta crescendo e perchè sta capendo come si deve stare alla Juventus, squadra con un DNA unico". Perché il turno che si appresta ad andare in scena potrebbe anche provocare un bello scossone alla classifica: occhi aperti, allora. "Gioca Buffon". Il 18 marzo possibile snodo del campionato dopo i match contro Fiorentina, il derby e altro: "Probabile, ma il campionato si deciderà il 20 maggio, questo è poco ma è sicuro". Emergenza non ce n'è, sono rientrati tutti, rimarranno fuori Cuadrado, Dybala, Höwedes e Matuidi, ne abbiamo in abbondanza. È lui che decide, è successo altre volte in modo contrario.

Quindi sulla mossa di inserire Douglas Costa per Marchisio nella ripresa: "Avevo bisogno di un giocatore che saltasse l'uomo e giocasse tra le linee. - ha spiegato - Eravamo a tre dietro, avevo bisogno di Douglas Costa che creasse superiorità".

Con Douglas Costa prove di Champions?

Nessuna apprensione sulle condizioni di Mandzukic: "Non ha niente di che, - ha assicurato Allegri - pare che abbia preso una botta".

"I numeri dicono che il Napoli è unagrande squadra e sta facendo delle grandissime cose". Vediamo quando si avvicinerà alla squadra. "Mangiare mangio, poi guardo la partita, sperando che la Lazio faccia risultato". Dispiaceva prendere goal, per me andava più rivisto il fallo, il dubbio era quello. Alex Sandro è cresciuto fisicamente e mentalmente ma ha giocato meglio tecnicamente nelle ultime partite ed è una cosa su cui stiamo lavorando.

The following two tabs change content below.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE