Pamela, arrestati altri due nigeriani: chiuse le indagini

Bruno Cirelli
Febbraio 11, 2018

Innocent Oseghale non avrebbe fatto tutto da solo.

Ci sono "elementi significativamenterilevanti" che la morte di Pamela Mastropietro sia stata causatada un "omicidio volontario" nella relazione preliminare che ilmedico legale ha inviato alla Procura ieri sera.

Con gli ultimi due fermi la Procura di Macerata ritiene chiusa l'indagine sul brutale omicidio della 18enne romana. Così in una nota il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio, il quale precisa che le indagini "non possono ritenersi affatto concluse".

In effetti, le due autopsie svolte sul corpo della giovane non hanno individuato con certezza le cause della morte. I reati al momento ipotizzati dalla procura di Macerata sono quelli di omicidio, vilipendio, occultamento di cadavere e concorso in spaccio di stupefacenti. Uno di loro stava per fuggire in Svizzera. Gli inquirenti non ne conoscevanol'identità ma "solo un nomignolo convenzionale". Tra l'altro tradotti in italiano Innocente e Fortunato, sembrano davvero nomi di fantasia se collegati alla mattanza della povera Pamela, sezionata chirurgicamente da mani esperte. L'inchiesta, ha precisato il magistrato, "coinvolge tre indagati".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE