Lazio, Parolo: "Nel secondo tempo più demeriti nostri che meriti del Napoli"

Rufina Vignone
Febbraio 11, 2018

"E' mancata la capacità di essere squadra: abbiamo sbagliato atteggiamento e il Napoli è devastante. Questo ci deve far riflettere perchè dobbiamo essere squadra sempre, questa è una sconfitta da prendere come punto di partenza". 45 minuti non bastano, la gara dura 90. Prendiamo spunto da oggi per migliorare.

PROSSIMI IMPEGNI - "Il terzo posto si potesse ottenere a gennaio era un'utopia". Ora pensiamo a giovedì: siamo una delle poche squadre che ha giocato ogni 3 giorni. Dobbiamo continuare a lavorare e lasciarci alle spalle questo periodo. Questa squadra può far bene. Più che meriti del Napoli, siamo stati noi a calare l'intensità. Ogni giocatore e' importante, ma adesso dobbiamo ricompattarci. "Bisogna trovare il giusto equilibrio".

Il Napoli ha giocato il suo calcio, come al solito. "Più che merito loro, è colpa nostra". Dobbiamo saper soffrire ed essere compatti. "Il problema è che noi tante volte ci rilassiamo troppo presto, poi facciamo dei cali incredibili. Sapremo riprenderci e analizzare gli errori fatti, per superare questo piccolo momento di difficoltà".

"Il Napoli quando trova spazi diventa devastante". Se troviamo l'equilibrio tra troppo bello e troppo brutto, diventeremo una squadra forte. Si decide tutto a maggio e fino a maggio saremo in ballo per il terzo/quarto posto. Se vieni al San Paolo e cerchi di comandare sempre il gioco è un'illusione. "Cosa è successo dopo l'1-1? Il sogno Champions è vivo, siamo lì". Abbiamo pensato che facendo un primo tempo così potevamo andare avanti anche nel secondo. Troppo belli nel primo tempo e troppo brutti nella ripresa, serve una mia di mezzo. Dobbiamo rimboccarci le maniche e giovedì ci aspetta una partita difficile in Europa League, con la testa alta.

VINCERE PER RIPARTIRE - "Come se ne esce? Queste partite devono farci crescere". "Ci prepareremo per farlo perché vogliamo ripartire".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE