Lazio, Felipe Anderson potrebbe partire subito: ecco le possibili destinazioni

Rufina Vignone
Febbraio 11, 2018

A pochi minuti dall'inizio della sfida contro il Napoli, il ds della Lazio, Tare, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport. Sul giocatore, escluso dai convocati per la partita di stasera contro il Napoli, il dirigente biancoceleste ha dichiarato: "Per quanto riguarda Felipe, non è vero che ci sono state richieste di cessione". Felipe Anderson è fuori discussione per qualità e carattere, è un ragazzo d'oro che ha dato tanto, ma deve crescere ancora tanto mentalmente per dare una mano alla squadra. Lui sa quello che dovrà fare, sa che in questi due anni e mezzo l'ho sempre fatto giocare e l'ho sempre tutelato. Dispiace dopo una grande prima frazione, dove meritavamo il 2-0: c'è stato il colpo di testa di Parolo, l'occasione con Immobile, col fuorigioco che non c'era. Le altre giocheranno domani e vedremo cosa faranno, ora vorrei provare a capire questo nostro secondo tempo. La squadra è in buone salute, purtroppo a volte abbiamo cali di tensione, è un errore che commettevamo anche in passato e che dobbiamo eliminare. Felipe non è entrato come doveva, ma da qui a dire che il ko sia colpa sua ce ne passa. "Sarà motivo di riflessione, non ce lo possiamo permettere, sopratutto con il Napoli". Non c'è stato il giusto approccio e la partita è stata persa meritatamente. E' un rischio che si corre, ma nel calcio si danno tante cose per non certe come per esempio che noi ad oggi eravamo terzi.

"Abbiamo fatto un ottimo primo tempo e non abbiamo assorbito né il primo gol né le due ammonizioni: spiace". Il colpevole non è uno solo. "Le aspettative su di noi si sono alzate". Dobbiamo continuare e andare avanti: la Supercoppa non basta. Sa cosa fare e quando lo farà tornerà ad essere il giocatore che fa vincere le partite.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE