Sanità, 20 nuovi casi di tumore al giorno

Barsaba Taglieri
Febbraio 10, 2018

I tumori più frequentemente diagnosticati sono stati per gli uomini il tumore della prostata, del colon e del retto, del polmone, della vescica e del distretto testa-collo.

È stato presentato a Reggio Calabria il Registro Tumori, istituito dall'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria alla presenza del Prefetto Michele Di Bari e il direttore generale Giacomino Brancati. Dei 7.824 casi di tumore diagnosticati in Abruzzo, 1.855 riguardano cittadini residenti nella provincia dell'Aquila (1.005 uomini e 850 donne), 2.294 riguardano cittadini residenti nella provincia di Chieti (1.263 uomini e 1.031 donne), 1.842 riguardano cittadini residenti nella provincia di Pescara (983 uomini e 859 donne) e 1.831 riguardano cittadini residenti nella provincia di Teramo (970 uomini e 861 donne). I dati sono stati illustrati in occasione della presentazione del quarto Report del Registro Tumori Regione Abruzzo.

Gli abruzzesi, però, sembrano ignorare questi consigli: il 35,8% è sedentario, il 34% è in sovrappeso e il 10,9% obeso, percentuali superiori rispetto alla media nazionale (rispettivamente pari al 32,5%, 31,7% e 10,5%). "È scientificamente provato che il cancro è la patologia cronica che risente più fortemente delle misure di prevenzione". Sono solo alcune delle domande a cui risponde il capitolo sui dati regionali del volume "I numeri del cancro in Italia 2017", il censimento ufficiale in grado di offrire una panoramica aggiornata sui numeri delle neoplasie. Natale - Quello che veniva un tempo considerato un male incurabile è divenuto in moltissimi casi una patologia da cui si può guarire o con cui si può convivere a lungo con una buona qualità di vita. Oggi abbiamo a disposizione armi efficaci per combattere il cancro, come l'immuno-oncologia e le terapie target che si aggiungono a chemioterapia, chirurgia e radioterapia. "Tutto questo, unito alle campagne di prevenzione promosse con forza anche da AIOM, si traduce nel costante incremento dei cittadini vivi dopo la diagnosi, che nella nostra Regione sono più di 58mila".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE