Domani a Rapallo la celebrazione delle vittime della foibe

Bruno Cirelli
Febbraio 10, 2018

Un altro incontro rivolto alla cittadinanza, moderato come in mattinata da Flavia Maraston, figlia di esule istriano, sarà presentato in serata alle 20.30 nella sala Degan della biblioteca civica, in piazza XX Settembre, dove i medesimi relatori analizzeranno un altro argomento sulla tematica della giornata, ovvero quello legato al dolore dell'esodo e delle foibe vissuto dai discendenti degli esuli.

La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace che assegnava alla Jugoslavia l'Istria e la maggior parte della Venezia Giulia.

Si comincia già da questo venerdì ad Alessandria. Quindi ci sarà la deposizione di una Corona, poi intervento a cura della Associazione Filarmonica Moncalieri, con un trombettista. Siamo qui per ricordare l'esodo di istriani, dalmati e fiumani. "La guerra, il confine orientale e il destino degli italiani".

L'iniziativa, promossa d'intesa con l'Ufficio Scolastico Provinciale si svolgerà presso i Saloni di rappresentanza del Palazzo del Governo alle ore 10 alla presenza delle Autorità civili e militari della provincia e con la partecipazione di una rappresentanza di studenti che interpreteranno brani e poesie attinenti al tema.

Tutti noi abbiamo il dovere di coltivare, ogni giorno, la memoria di quanto accaduto - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - l'ingiustizia, la tragedia e il dolore, vissuti da queste persone e da ogni essere umano vittima dell'intolleranza, della brutalità, dello spregio della libertà altrui, non devono costituire motivo di divisione o rancore. Il ritrovo per tutti gli interessati è fissato all'angolo tra via Vittime delle Foibe e viale Giolitti. Alle 11 inizierà la Santa Messa in Cattedrale officiata dal Cappellano della Polizia di Stato di Alessandria e Asti Don Augusto Piccoli.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE