Facebook sperimenta il downvote

Geronimo Vena
Febbraio 9, 2018

E da tempo ormai che gli "insider" hanno preso a sparare sul mondo che hanno contribuito a creare, con personalità come Sean Parker (già presidente di Facebook) impegnate a denunciare i danni al cervello provocato dai meccanismi di cattura dell'attenzione insiti nelle reti sociali.

Facebook sta testando una nuova funzionalità per la sua applicazione di messaggistica istantanea Messenger che viene chiamata 'Tua Emoji' per consentire agli utenti di sovrapporre una emoji a scelta alla proprio foto del profilo per 24 ore. Gli utenti possono utilizzare il tasto downvote, che appare sotto al relativo post, segnalando al social anche la ragione di tale voto: dopo aver premuto il pulsante, infatti, appaiono ulteriori caselle con il quale è possibile dire se il contenuto risulta "offensivo", "ingannevole" oppure "off topic", oltre all'opzione per annullare il voto.

Il tanto richiesto e decantato pulsante Dislike, sebbene Facebook si rifiuti di definirlo in questo modo, sarebbe pronto ad approdare sul social network di Mark Zuckerberg. A quanto pare Facebook starebbe testando la novità con un gruppo ristretto di utenti ed esclusivamente all'interno della sezione commenti.

La particolarità è data dal fatto che toccando il pulsante (battezzato Downvote) il commento verrà nascosto in automatico dal News Feed dell'utente a cui non è piaciuto, che non lo potrà più visualizzare. Il numero di "disklike" ricevuti da un commento non sarà visibile agli utenti, ed al momento non sono note le possibili ripercussioni che potrebbe avere il tutto sul social network.

Tra gli elementi descritti dal brevetto troviamo fattori molto basilari come, l'età dell'utente, fattori che indicano se possiede o meno una casa.

Al momento non ci sarebbe l'interesse di puntare ad allargare ulteriormente questo test e quindi non è chiaro se questa funzione arriverà mai per tutti quanti.

Di recente, però, la mission di Facebook è cambiata radicalmente e l'introduzione del Downvote potrebbe rientrare nella strategia del sito che mira a connettere quanto più possibile le persone.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE