Sanremo 2018: ecco i favoriti alla vittoria Video

Barsaba Taglieri
Febbraio 8, 2018

Pippo, che ci dice ha trovato De Mita in ottima forma, era stato invitato insieme a Paolo Gentiloni, Gigi Marzullo, Angelino Alfano, Gianni Letta ed il fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari. La voglia di ballare è incontenibile e così l'attore molla il leggio e trascina anche Claudio Baglioni nel movimento di bacino prima di lanciarsi in un ballo senza freni con Michelle Hunziker.

Poi il grande conduttore che molte volte è salito sul palco dell'Ariston ha dedicato una lunga lettera al Festival, esordendo proprio con "Caro Sanremo ..." In testa alle preferenze della giuria demoscopica (che vale per il 30%), c'è Alice Caioli, poi Lorenzo Baglioni e Giulia Casieri.

Le canzoni in gara finiscono invece con questa classifica provvisoria: tra i blu (in cima) Diodato e Roy Paci, Ornella Vanoni con Pacifico e Bungaro, Ron.

È stata una seconda serata di ricordi, revival e commemorazioni al 68esimo Festival di Sanremo che, oltre alla gara, ha celebrato ancora una volta, attraverso canzoni, colonne sonore e sinfonie, la musica italiana e i più grandi cantautori e cantanti di tutti i tempi: Luciano Pavarotti, Sergio Endrigo, solo alcuni nomi.

"Carissimo e amatissimo Sanremo, ti ho conosciuto nel lontano 1958", questo il preludio di un lunghissimo, nostalgico, commovente e ironico discorso che lo lascia solo con un pubblico che lui ha conosciuto per 13 edizioni. Grida che tirano fuori il vero Pippo Baudo: "Questo Festival lo presento io". Il picco di ascolto, durante la prima serata del festival di Sanremo, è stato raggiunto alle 20.58: in scena c'erano Claudio Baglioni e Fiorello, a Rai1 erano incollati 17 milioni 200 mila spettatori.

Sono stati 9.687.000, pari al 47.7% di share, i telespettatori che hanno seguito la seconda serata del Festival di Sanremo. Ai due si aggiunge anche Favino (per fischiettare). Nella zona gialla, quella intermedia, Le Vibrazioni, Annalisa, Decibel.

Favino torna a strappare qualche sorriso con il suo "momento culturale", recitando versi di Garcia Lorca che preludono ad esibirsi nel tormentone della scorsa estate: "Despacito" di Luis Fonsi.

Roberto Vecchioni con il racconto della genesi di Samarcanda cantata in coppia con Baglioni e la splendida "Chiamami ancora amore" canzone vincitrice di Sanremo 2011 ricorda indossando un ranuncolo sulla giacca, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, che questa battaglia la devono fare gli uomini per combattere quelli sbagliati. Whtiney Houston con i suoi genitori dietro le quinte, Bruce Springsteen che tutti dicevano non sarebbe mai venuto.

Nella seconda serata del Festival di Sanremo si sono esibiti 10 artisti della categoria "Campioni" e, prima di loro, quattro "Nuove proposte".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE