Padova, non mette velo a scuola: segregata in casa

Barsaba Taglieri
Febbraio 8, 2018

Voleva apparire come le altre amichette di scuola e per questo si era rifiutata di mettere il velo in testa in classe durante le lezioni come invece raccomanda la sua famiglia di religione musulmana, ma tanto è bastato perché la ragazzina venisse lasciata a casa, interrompendo la frequenza alla scuola superiore. Vista l'assenza prolungata, il dirigente scolastico dell'istituto Scalcerle, Giancarlo Pretto, ha contattato i genitori.

Qualche tempo fa è accaduto che una ragazza non si presentasse più in classe.

Una studentessa padovana è stata allontanata da scuola dai genitori a causa del suo rifiuto di indossare l'hijab, il velo tradizionale islamico. "Sono quasi dei casi di "bullismo al rovescio", dove sono i genitori ad esercitare pressioni o a obbligare a fare ciò che non vogliono i propri figli".

"Ho parlato con i genitori e ho cercato di spiegare loro che non potevano tenere la figlia a casa e poi ho avvisato i servizi sociali del Comune, che hanno avviato l'iter che si utilizza in casi simili".

La scuola è intervenuta subito per sanare la situazione. "L'importante è che la ragazza sia tornata a scuola".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE