Ora legale addio? Il Parlamento Ue chiede di abolire il cambio orario

Rufina Vignone
Febbraio 8, 2018

Obiettivo: invitare la Commissione europea a "interrompere l'attuale cambiamento semestrale dell'ora" e abolire così il passaggio dall'ora solare a quella legale. "Fine del cambio biannuale d'ora".

Istituita nel 1916, nel nostro Paese l'ora legale è stata portata a sei mesi nel 1980, quando fu indicato il periodo di apertura nella prima domenica di Aprile, poi spostato all'ultima di Marzo. Si deciderà a Strasburgo, l'8 febbraio la risoluzione di abolire o meno l'ora legale.

Al motto di "rispettare i ritmi circadiani", una larga coalizione di eurodeputati - quasi tutti del Nord, Centro ed Est Europa - propone oggi al voto di Strasburgo una risoluzione comune che chiede alla Commissione Ue di "condurre una valutazione approfondita" della direttiva comunitaria sull'ora legale. "Turbare due volte all'anno l'orologio interno degli individui porta danni alla salute", ha detto ad esempio la finlandese Heidi Hautala, che ha sottolineato come "la nostra richiesta è basata su decine di studi", anche se non c'è ancora una bibliografia univoca sui presunti danni apportati da questa pratica a uomini e animali.

L'ora legale, ideata e introdotta per la prima volta da Benjamin Franklin nel 1764 per risparmiare energia, potrebbe essere arrivata alla fine.

E nasce in considerazione di "numerosi studi scientifici, tra cui lo studio dei Servizi di ricerca del Parlamento europeo, dell'ottobre 2017, sulle disposizioni dell'Ue relative all'ora legale a norma della direttiva 2000/84/CE" che "non sono riusciti a dimostrare alcun effetto positivo del cambiamento semestrale dell'ora". La battaglia europea contro l'ora legale è nata in Finlandia dove un cittadino ha raccolto ben 70.000 firme, sufficienti per far arrivare la proposta al Parlamento.

L'8 febbraio si discuterà dunque dell'abolizione dell'ora legale, anche se, rimane aperta la possibilità che ogni Paese dell'Ue possa avvalersi della possibilità di decidere in autonomia per sé stesso.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE