Mazzarri e le condizioni del Torino: "Ljajic recuperato, Belotti segue il programma"

Rufina Vignone
Gennaio 21, 2018

Nelle sua carriera ha dimostrato di avere la mentalità giusta per ottenere risultati più importanti, ma attraverso un'idea di calcio differente rispetto al tecnico che ha sostituto. È il mio limite e il salto di qualità che posso fare. Se vogliamo fare risultato dobbiamo essere concentrati per 95 minuti. E col Sassuolo può succedere perchè sono in forma e sono temibili.

A Reggio Emilia non ci sarà Belotti, ancora out per infortunio: "Ho parlato molto con lui".

"Troviamo un avversario che ha una media da Champions nelle ultime partite, il Sassuolo ha un allenatore preparato come Iachini, un uomo di campo che lavora duro. Per noi è fondamentale e sta seguendo alla perfezione il programma di recupero".

M'Baye Niang, attaccante senegalese del Torino, arrivato in granata quest'estate fortemente voluto dal tecnico serbo Mihajlovic ha reso forse un po' al di sotto delle aspettative ma è pronto a rifarsi in questa seconda parte di stagione. Ma io non lo faccio apposta, non è indolenza, sono fatto così: ho dei tempi morti quasi senza accorgermene, o magari corro tanto nei momenti sbagliati. Bisogna sapere cambiare pelle a livello tattico, saper interpretare più moduli perché gli allenatori sono bravi e ti prendono le misure. Mazzarri ha avuto a disposizione un'intera settimana per preparare la sfida di domenica, compreso un mini ritiro di tre giorni.

QUI TORINO - Modulo speculare anche per Mazzarri con Sirigu in porta, reparto arretrato composto da De Silvestri e Molinaro sulle corsie esterne mentre al centro N'Koulou e Burdisso. "Ora sta a loro mettermi in difficoltà nelle scelte".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE