Nel Trapanese confisca beni per 25 milioni

Bruno Cirelli
Gennaio 19, 2018

Nuova operazione della Dia nel trapanese: questa volta però, ad essere arrestato è un imprenditore a cui sono stati confiscati beni per oltre 25 milioni di euro. La Direzione investigativa Antimafia di Trapani ha notificatoil decreto del Tribunale all'imprenditore di Campobello diMazara, Andrea Moceri, 57 anni ed ai suoi familiari.

Nei confronti di Moceri è stata disposta la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per due anni. Il patrimonio era gia' stato sottoposto a sequestro nel novembre 2015.

Tra le imprese illecitamente finanziate l'oleificio "Fontane d'oro sas" (oggi in amministrazione giudiziaria), con sede a Campobello di Mazara, intestato al prestanome Francesco di Luppino (detenuto), elemento di spicco della locale cosca mafiosa, tra gli uomini piu' fedeli di Matteo Messina Denaro.

Il patrimonio confiscato a Moceri è di 35 unità immobiliari di varia dimensione e differenti destinazioni d'uso (locali commerciali, appartamenti per civile abitazione, rimesse etc); 35 appezzamenti di terreno di varia estensione a destinazione urbanistica; 5 compendi aziendali; quote di partecipazioni in società di capitali, vari conti bancari e polizze assicurative.

Maggiori informazioni seguiranno nelle prossime ore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE