Vicenza addio. Il Tribunale dichiara il fallimento

Rufina Vignone
Gennaio 18, 2018

Cosa significa? Semplice: le attività della società proseguiranno sotto la tutela di Nerio De Bortoli, commercialista che in maniera temporanea si occuperà della gestione del club (come aveva già fatto ai tempi del fallimento del Venezia).

Svolta importante nella crisi societaria del Vicenza Calcio. Il Tribunale, cosi', ha disposto, in via cautelare, l'esercizio provvisorio. C'è di mezzo la tutela dei vari creditori: tra questi i giocatori stessi, che non percepiscono lo stipendio da settembre ma si sono detti comunque disposti a continuare la stagione, a patto che ci siano delle garanzie riguardo il pagamento.

De Bortoli in passato si è occupato anche del fallimento del Venezia, ieri si è presentato al Centro tecnico di Isola Vicentina, dove la squadra si è ritrovata con l'allenatore Nicola Zanini per la ripresa degli allenamenti, fornendo spiegazioni sul nuovo quadro che si è delineato e tranquillizzando giocatori e staff tecnico. In sostanza sarebbero stati gonfiati gli utili legati ai diritti televisivi e al merchandising e sarebbero stati messi a bilancio dei diritti tv "da categoria superiore" rispetto a quelli effettivi.

Tale decisione potrebbe anticipare l'udienza prevista giovedì prossimo 18 gennaio in tribunale, che lasciava aperti diversi scenari, con l'attuale proprietà che poteva decidere di farsi carico del prosieguo del campionato dimostrando di avere le disponibilità economiche o di lasciare definitivamente. A partire dalla data di fondazione la società ha riscosso diversi successi militando, anche, nel massimo campionato di calcio italiano per diverse decine di anni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE