Morgan Stanley, le pendenze fiscali frenano l'utile del 4° trimestre

Paterniano Del Favero
Gennaio 18, 2018

L'utile netto è infatti sceso a 686 milioni di dollari, o 29 cent per azione, da 1,67 miliardi, o 81 cent per azione, dello scorso anno.

Morgan Stanley ha comunque superato le previsioni.

L'ultima tra le grandi banche americane a pubblicare i risultati di bilancio, ha visto calare i profitti a causa dell'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 1,2 miliardi di dollari. Depurando i conti dalle componenti non ordinarie, ossia costi per 990 milioni di dollari, l'utile per azione passa a 84 centesimi, ben 20 in più rispetto alle attese.

Non solo dati sull'utile nella trimestrale di Morgan Stanley, ma anche un quadro chiaro sul fatturato aziendale. Il risultato in questo caso è stato del +5% dai 9,0 miliardi del pari periodo 2016 a quota 9,5 miliardi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE