Criptovalute di nuovo a picco: la Cina dichiara guerra alla moneta virtuale

Paterniano Del Favero
Gennaio 16, 2018

Giornata da dimenticare per le criptovalute. Tutte le principali monete elettroniche registrano cali a doppia cifra.

A condizionare l'andamento sui mercati delle criptovalute sono state le ultime notizie provenienti dall'Estremo Oriente, dopo la decisione del governatore della banca centrale cinese, Pan Gongsheng di mettere al bando il trading centralizzato delle criptovalute. In netto calo anche altre criptovalute concorrenti dei Bitcoin sulla scia delle indiscrezioni che in vari paesi si stiano accendendo le luci delle autorità di controllo dei mercati.

Nel momento in cui vi stiamo scrivendo, tutto il mercato delle cripovalute è in perdita: il Bitcoin è a 12.206,90 Dollari, con capitalizzazione di mercato di 205 miliardi di Dollari. È andata anche peggio a ethereum, -17%, sceso intorno ai 1'000 dollari; per non dire di ripple, 1,43 dollari e meno venti punti percentuali.

Non solo. Non aiutano le dichiarazioni di ieri della Banca Centrale dell'Indonesia la quale ha lanciato un allarme sui rischi delle monete virtuali definendole "altamente speculative" e in grado di creare "bolle finanziarie oltre ad essere utilizzate per il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE