Vaccinati 616mila piemontesi ma sale l'incidenza settimanale delle sindromi influenzali

Barsaba Taglieri
Gennaio 15, 2018

Lo testimonia il terzo Rapporto elaborato dall'inizio della sorveglianza (partita a ottobre) da parte della Direzione Prevenzione della Regione del Veneto, diffuso oggi dall'assessore alla sanità, e relativo alla settimana tra l'1 e il 7 gennaio.

L'incidenza settimanale delle sindromi influenzali in Piemonte è salita a 18,7 casi su 1.000 assistiti, con una stima di circa 83.000 persone colpite, in totale 300.000 dall'inizio della stagione. Il dato statistico è confermato anche dalla valutazione delle diverse fasce d'età. Nell'ultima settimana il tasso di ricoveri per influenza è raddoppiato. I decessi registrati come correlabili all'influenza sono due, segnalati dalle Ulss Pedemontana e Euganea.

Il dottor Nikolaos Papadopoulos, medico del Manchester Children's Hospital, afferma che i bambini sono "super spreader" (letteralmente in italiano "super spalmatori", diffusori) dell'influenza, aggiungendo: "Ma le prove hanno dimostrato che avere bambini vaccinati contro l'influenza con un semplice spray nasale è la chiave per fermare ulteriormente la diffusione del virus e più veloce".

Il numero di casi è in diminuzione nella fascia pediatrica da 0 a 14 anni, con un'incidenza settimanale di 22 casi per 1.000 assistiti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE