Molestie, il fotografo Mario Testino cacciato da Vogue insieme a Bruce Weber

Ausiliatrice Cristiano
Gennaio 14, 2018

Il gigantesco scandalo delle molestie sessuali, che è partito dal caso Weinstein a Hollywood per allargarsi a tanti altri casi che hanno visti protagonisti registi, produttori e attori (sia negli USA che negli altri paesi) ha coinvolto anche il mondo della moda.

Due fotografi di fama internazionale, Mario Testino e Bruce Weber, sono stati accusati da decine di modelli di aver approfittato di loro sul set. Alcuni di questi ne hanno parlato recentemente con dei giornalisti del New York Times, che ieri hanno pubblicato le loro storie. Con la scusa di volerli immortalare al massimo della loro carica seduttiva e realizzare scatti glamour e sensuali, i due big della fotografia li avrebbero per esempio indotti a spogliarsi e a portare le loro mani dove sentivano "l'energia".

I due fotografi hanno prontamente smentito le accuse tramite avvocati, ma le testate hanno già preso provvedimenti nei loro confronti. "Non abbiamo mai avuto rapporti sessuali, ma succedevano un sacco di cose". "Era un predatore sessuale", ha detto Ryan Locke, un modello famoso nella seconda metà degli anni '90. "Io sono la ragazza, tu l'uomo", costringendolo alla fuga.

Entrambi i fotografi negano fermamente ogni accusa. "Alla luce delle accuse, non commissioneremo loro alcun lavoro nel prevedibile futuro", hanno detto la direttrice della rivista, Anna Wintour, e l'amministratore delegato del gruppo Conde Nast, Bob Sauerberg, a cui Vogue fa capo. Le sue immagini della tennista Serena Williams mamma appaiono sul numero di febbraio di Vogue.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE