"Latitante ha provato a uccidere i carabinieri": la ricostruzione choc

Bruno Cirelli
Gennaio 14, 2018

La cattura è avvenuta intorno alle ore 21 di questa sera a Formia, sul litorale laziale, da parte dei carabinieri della compagnia di Giugliano guidati dal capitano Antonio De Lise.

E' stato arrestato nel corso di un conflitto a fuoco con i carabinieri Filippo Ronga, 41 anni, elemento di spicco del clan Ranucci di Sant'Antimo (Napoli).

Filippo Ronga, 42 anni, era ricercato dal 2013 quando era scomparso per sfuggire a due ordinanze di custodia cautelare. Ronga, consapevole di essere ricercato, non si è fermato all'alt imposto dai carabinieri in piazza Sant'Erasmo nel quartiere Castellone. Fermati dai militari, il latitante opponeva resistenza da cui scaturiva una colluttazione. In tale frangente, Ronga estraeva una pistola semiautomatica calibro 9×21 marca Tanfoglio, poi risultata con matricola abrasa, carica e con il colpo in canna, puntandola contro un militare.

Per le ferite riportate, l'uomo è stato ricoverato presso l'Ospedale Civile di Formia, in prognosi riservata e piantonato in stato di arresto per tentato omicidio, porto abusivo di arma clandestina e resistenza a pubblico ufficiale. Negli ultimi mesi Sant'Antimo e dintorni sono stati attraversati da un'escalation criminale con raid intimidatori e bombe alle attività commerciali. Arrestate per favoreggiamento, resistenza e lesioni personali le due persone che si trovavano con lui: uno è in carcere a Cassino e l'altra a Rebibbia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE