Nocera Inferiore, ATTI PERSECUTORI NEI CONFRONTI DELL'EX: ARRESTATO

Bruno Cirelli
Gennaio 13, 2018

Nuovi sviluppi nell'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Salerno che, lo scorso agosto, ha portato all'arresto di 4 persone ritenute responsabili di associazione a delinquere e scambio elettorale politico-mafioso, tra i quali Carlo Bianco, ex consigliere comunale di Nocera Inferiore. Sono inoltre state eseguite perquisizioni e sequestri nei confronti di altri 9 indagati.

I poliziotti si sono presentati in casa sua alle prime ore del mattino, ma non lo hanno trovato: il trentenne, che era sottoposto anche all'obbligo della permanenza in casa dalle 22 alle 7 ed all'obbligo di dimora, è stato però rintracciato nelle ore seguenti, dopo le ricerche effettuate nei comuni limitrofi e presso casa di amici e parenti, trovandolo mentre passeggiava nel centro cittadino di Nocera Inferiore.

L'ulteriore provvedimento cautelare personale, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Salerno, scaturisce dalla pregressa e complessa attività investigativa coordinata da questa D.D.A. e condotta dal R.O.S. dei Carabinieri.

Un ragazzo di trent'anni è stato arrestato per stalking nei confronti di una sua ex-fidanzata: si tratta di un giovane nocerino, S.G., fermato su ordinanza del gip del Tribunale di Nocera Inferiore.

In tale contesto, particolare rilevanza assumeva l'accordo di scambio politico-mafioso concluso tra PIGNATARO Antonio ed i suoi sodali con il consigliere comunale, in carica fino al giugno 2017, BIANCO Carlo, eletto all'epoca nella lista "RIFORMISTI", facente parte della maggioranza amministrativa di Nocera Inferiore, retta, all'epoca, dal sindaco Manlio TORQUATO. Era già indagato nella stessa vicenda che l'estate scorsa portò in carcere l'ex consigliere comunale Carlo Bianco, il boss Antonio Pignataro e il candidato al consiglio comunale Ciro Eboli, tutti e tre ancora in stato di detenzione, e Luigi Sarno, poi rilasciato.

Nel caso di specie veniva ricostruito il ruolo assunto da CESARANO Antonio rispetto alla consumazione del reato in disamina, infatti questi fungendo da collante tra PIGNATARO, EBOLI e BIANCO, costituiva, di fatto, il trait union tra questi ultimi e la Pubblica Amministrazione.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE