Julio Cesar:"Ramires un animale, leader che corre ovunque"

Rufina Vignone
Gennaio 13, 2018

L'ex portiere dell'Inter, intervistato dalla Gazzetta dello Sport stamani, ha confessato di voler tentare un'ultima avventura calcistica, ma solo se questa arrivi entro la conclusione di questa sessione di mercato.

Nonostante l'addio a Milano e all'Inter il portierone con 300 presenze in nerazzurro è ancora innamorato. E' un po' che non lo vedo giocare, ma il centrocampista che ricordo io ce l'avevi sempre addosso e lo trovavi ovunque, perché non si stancava mai.

E per Rafinha che sfida può essere?

E ai leader non serve parlare tanto: se hai bisogno che ti diano cento ti danno centodieci, loro parlano così: usa i polmoni con la stessa facilità in fase difensiva e fase offensiva. Ramires è un po' il mio contrario: ragazzo timido, molto introverso, che ama parlare poco. "Dunque può stare sia davanti alla difesa che più avanti". Lisandro Lopez? Autorevole in campo e preziosissimo nello spogliatoio come uomo-squadra.

Le mosse dell'Inter. Tra tutte le big del calcio Italiano l'Inter è sicuramente quella più attiva sul mercato invernale: i nerazzurri puntano a rinforzarsi notevolmente in questa sessione di mercato per poter ambire concretamente al sogno scudetto che manca dal 2010 prima che iniziasse il dominio della Juventus. "E lo chiamerò presto per dirgli in bocca al lupo". Era un nostro rito: dopo ogni gol del Benfica lui mi veniva incontro e ci abbracciavamo. Losandro Lopez? Il suo mestiere è un altro: difensore tosto, solido, affidabile. Però non faccio fatica a immaginare che uno con il suo talento non ne potesse più di giocare qualche volta sì e qualche volta no.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE