In Umbria 100% Dop-Igp in piccoli comuni

Paterniano Del Favero
Gennaio 13, 2018

Lo studio è di Coldiretti/Symbola su 'Piccoli comuni e tipicità', ed è stato presentato dalla Fondazione Symbola e da Coldiretti oggi a Roma, a Palazzo Rospigliosi, per l'apertura ufficiale dell'anno del cibo italiano nel mondo. Dal "Vin Santo di Vigoleno", realizzato nell'omonimo borgo incastellato a Vernasca, in provincia di Piacenza, che con circa 5mila bottiglie prodotte ogni anno si contende il titolo della più piccola Doc d'Italia con il vino Loazzolo, realizzato esclusivamente nell'omonimo paesino dell'astigiano (358 anime), alle specialità territoriali prodotte anche in Comuni colpiti dal terremoto. Il rapporto racconta un patrimonio enogastronomico del Paese custodito fuori dai tradizionali circuiti turistici, che potrà ora essere finalmente valorizzato e promosso grazie alla nuova legge n.158/17, a prima firma Realacci, con misure per la valorizzazione dei Piccoli Comuni. Prevista anche la partecipazione del sindaco del comune piacentino di Cerignale Massimo Castelli, in qualità di coordinatore Anci dei Piccoli Comuni. Secondo un'analisi Coldiretti su dati Istat, in essi vivono 126.792 abitanti, il 14,26% del totale.

Un patrimonio conservato nel tempo dalle 279mila imprese agricole presenti nei piccoli Comuni con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari. I piccoli comuni - commenta il presidente regionale Coldiretti Sicilia, Francesco Ferreri - rappresentano opportunità straordinarie per far conoscere il paniere di specialità di cui sono ricche ma al basso costo della vita, all'aria pura, alle viarie opportunità di crescita che derivano proprio dall'agricoltura si contrappone la carenza infrastrutturale.

Ieri (giovedì), a Roma i tesori nascosti nei piccoli Comuni sotto i 5mila abitanti sono stati protagonisti delliniziativa promossa dalla Coldiretti e dalla Fondazione Symbola a Roma, per lapertura dellanno nazionale del cibo italiano nel mondo. Un patrimonio inestimabile, che contraddistingue la Sardegna e lItalia, Paese europeo della biodiversità, che racchiude la storia e lidentità di un territorio e di un popolo. Non a caso due stranieri su tre considerano la cultura e il cibo le principali motivazione del viaggio nel Belpaese mentre per ben il 54 per cento degli italiani il successo della vacanza dipende dalla combinazione cibo, ambiente e cultura, secondo l'indagine Coldiretti/Ixe'.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE