Speranza contro il tumore del colon-retto da batteri intestinali creati in laboratorio

Barsaba Taglieri
Gennaio 12, 2018

Lo studio che ha portato a questo straordinario risultato [VIDEO] è stato pubblicato sulla rivista Nature Biomedical Engineering e potrebbe rappresentare, nel caso in cui i risultati della sperimentazione sugli animali fossero confermati anche sull'uomo, un passo decisivo verso la sconfitta del tumore al colon. Sui topi invece la massa tumorale è stata ridotta del 75% ed anche la grandezza media del tumore si presentava tre volte più piccola rispetto a quella del grupo di controllo. In pratica trasformano nella pancia il sulforafano, una molecola contenuta soprattutto nei cavoli e nei broccoli, in un'arma contro il tumore, determinando la regressione della malattia. La ricerca si è svolta in due fasi, prima gli scienziati hanno creato una versione geneticamente modificata del batterio intestinale Escherichia coli, rendendolo capace di trasformare una molecola dei broccoli in un'arma anti-cancro. Ai topolini è bastato mangiare un mix di batteri e broccoli per vedere regredire la propria malattia.

Il cancro del colon retto rappresenta il secondo tumore maligno per incidenza e mortalità.

La lotta al tumore colon retto ha un nuovo alleato. Una dieta ricca di carne rossa processata, come salsicce e pancetta, e povera di fibre aumenta ulteriormente il rischio, così come essere sovrappeso e sedentario. Fumare e bere alcolici sono altri due importanti fattori di rischio. Al contrario sembra che alimenti come frutta e verdura abbiano sull'intestino un vero e proprio effetto probiotico ovvero favoriscono la formazione di batteri buoni che svolgono un'importante funzione protettiva molto importante nella prevenzione dei Tumori.

Una funzione tanto più importante con l'avanzare dell'età, dal momento che nelle persone anziane i batteri utili, come il bifidus bacteria, diminuisce progressivamente fino a scomparire del tutto, lasciando campo libero ai batteri nocivi come enterococcus o lactobacillus.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE