Germania, via libera alla grande coalizione da CDU e SPD

Bruno Cirelli
Gennaio 12, 2018

Datori di lavoro e dipendenti pagheranno in egual misura tutto ciò che riguarda l'assicurazione sanitaria. L'accordo finale dipende dall'assenso dei conservatori e dei socialdemocratici, sottolinea ancora l'agenzia di stampa tedesca citando le sue fonti.

È stata trovata una breccia per un possibile accordo di governo nelle trattative tra Cdu-Csu e Spd, dopo ore di consultazioni. E' stato raggiunto l'accordo per non aumentare al 45 per cento l'aliquota massima d'imposta per i redditi alti, come chiedevano invece isocialdemocratici, mentre sul tema controverso dell'emergenza migranti è stato deciso che i richiedenti asilo da regolarizzare non dovranno superare una cifra variante da 180.000 a 220000 annualmente. "Così sarà anche per l'Union che ha accettato di spingere per una riforma dell'Unione Europa che parta da un suo rafforzamento finanziario con la Germania pronta a maggiori contributi per coprire l'assenza della Gran Bretagna". Popolari e centrosinistra tornano a braccetto dopo che sembrava impossibile l'accordo sia prima che dopo le elezioni vinte "con freno a mano tirato" da Angela Merkel.

Oggi, nell'ultimo girono di confronto dei delegati, 13 per partito, la cancelliera tedesca è arrivata nella sede dei socialdemocratici di Schulz dove ha dovuto costatare che "Ci sono ancora dei grossi ostacoli sulla via, che devono essere rimossi", e "questo giorno sarà duro". "Siamo anche pronti a contributi maggiori della Germania nel bilancio europeo".

L'intesa arriverebbe al termine di una maratona negoziale di oltre 24 ore.

Il governo stabile è stato l'obiettivo della Merkel per tutta la nottata; lei stessa ha affermato di lavorare per un fantastico paese e che la prossima volta bisogna essere più veloci nelle decisioni e non bisogna aspettare e prendersi molto tempo per pensarci quando basterebbe una semplice riunione o un confronto tra partiti della stessa nazione come in questo caso.

E' possibile la costituzione di un governo entro Pasqua, secondo il leader dei cristiano-sociali bavaresi, Horst Seehofer.

Per convincere i più scettici a pensare che la coalizione con l'Unione sia la pillola meno amara da digerire, il leader dell'Spd ha stilato un elenco dei punti positivi ottenuti nel corso dei negoziati. Tra i primi il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che su Twitter ha commentato: "L'intesa tra #Merkel e #Schulz getta le basi per un governo di coalizione in Germania".

Esprime soddisfazione Martin Schulz che parla di "un risultato eccezionale" mettendo l'accento sui risultati raggiunti "per un contratto di governo" sullo stato sociale, con l'aumento degli aiuti alle famiglie, gli investimenti nel sistema della formazione. "Abbiamo raggiunto l'unanimità con i nostri negoziatori del Spd". Per il 21 è previsto il congresso straordinario della Spd chiamato a ratificare tale intesa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE