L'Ecuador ha dato la cittadinanza a Julian Assange, fondatore di Wikileaks

Bruno Cirelli
Gennaio 11, 2018

Il giornalista, rifugiato all'interno dell'ambasciata ecuadoriana a Londra dal 2012 per evitare di essere arrestato ed estradato negli Stati Uniti, ha ottenutola cittadinanza del Paese sudamericano.

L' Ecuador ha confermato di avere concesso a Julian Assange la nazionalità.

Il caso dell'attivista 46enne, fanno sapere dal Foreign Office londinese, si può risolvere solo se Assange deciderà di uscire e "affrontare la giustizia". La notizia, anticipata dai media locali, non era stata inizialmente né smentita dal governo di Quito. Ad avvalorare questo sospetto anche un tweet del patron di Wikileaks con indosso una maglia della nazionale di calcio ecuadoriana.

La carta di identità c'è realmente. Sul web nel Registro Civile (anagrafe) e del Servizio di Rendita Interna (agenzia fiscale) dell'Ecuador figura proprio Assange che è stato quindi naturalizzato.

Le sue prime pubblicazioni risalgono al dicembre 2006, quando furono caricati sul sito internet documenti che parlavano di un complotto contro membri del governo della Somalia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE