Sicilia, Musumeci presenta le sue riforme Dall'emergenza rifiuti alle "nuove" Province

Paterniano Del Favero
Gennaio 10, 2018

Ho la registrazione: ha detto che non e' contrario alle grandi opere, purche' prima si facciano quelle maggiormente necessarie. "L'obiettivo finale di tutto questo è riconsegnare ai siciliani una Regione normale" dice il governatore citando don Luigi Sturzo.

Nello Musumeci ha impiegato un intero pomeriggio ieri a rendere al parlamento siciliano le sue dichiarazioni programmatiche.

Dare nuova linfa e più competenze alle Province, piena attuazione dello Statuto, ripensare il ruolo di Irfis, Ircac e Crias. Un altro problema è la differenziata, secondo Musumeci i dati sono allarmanti. Il presidente ha confermato l'intenzione di ripristinare l'elezione diretta degli organismi delle ex Province, oggi Liberi Consorzi, e delle tre città metropolitane di Palermo, Messina e Catania.

Sette mesi e poi le discariche siciliane saranno al collasso. In attesa del pronunciamento del Tar sul ricorso presentato dalla Regione contro l'impugnativa del Cdm sulla legge regionale che riordinava le ex Province, il presidente Nello Musumeci ha invitato l'Assemblea a modificare la normativa sugli enti intermedi.

In tema di abusivismo edilizio, che è stato al centro delle polemiche elettorali il presidente della regione si schiera chiaramente "La lotta all'abusivismo non è uno slogan da campagna elettorale, ma non esiste l'abusivismo di necessità: esiste l'abusivismo". Si è ribadito di circoscrivere, inoltre, la "fuga dei cervelli", un fenomeno che in Sicilia è oramai diffuso a macchia d'olio: un terzo degli studenti dell'isola (51.560) sceglie di iscriversi all'università fuori, con una predilezione per gli atenei della Lombardia, Toscana, Lazio, Emilia Romagna e Piemonte."Dobbiamo invertire questo trend - è stato sottolineato da tutti - puntando sull'attrattività delle università, ecco perché questa interlocuzione vogliamo sia costante, con un confronto, se necessario, anche critico. Sarebbe però da sprovveduti dire che tutte le case abusive vanno abbattute, bisogna verificare caso per caso senza legittimare un abusivismo di serie A e un abusivismo di serie B".

OSPEDALI. Pur dando atto all'ex assessore alla Salute del "buon lavoro" fatto, il presidente ha annunciato che "si provvederà in questi mesi alla parziale revisione della rete ospedaliera in Sicilia". "Anche questo e' difficile, bisogna utilizzare le navi e non sempre è strutturalmente possibile".

LEGGE ELETTORALE. "Questa coalizione di centrodestra è ben consapevole dei propri limitati numeri in aula per una legge elettorale che va cambiata e anche presto". "Le province sono l'Assemblea dei sindaci, la sintesi delle rappresentanza dei territori, occorre accelerare il processo di liquidazione degli Ato e delle Srr, diventati luoghi di stallo per riabilitare l inattivita' di qualche trombato".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE