Casi di influenza in aumento, in arrivo il picco

Barsaba Taglieri
Января 9, 2018

Il picco è atteso per metà gennaio. Si invita a non sottovalutare il problema perchè, anche se ancora non si è registrato alcun picco di malattie, alcune notizie provenienti da altri paesi non sono rassicurati. L'influenza, infatti, è 'età-dipendente': "Se è vero che il paziente anziano è maggiormente vulnerabile al virus di tipo A, il virus B ha un impatto relativamente maggiore nei bambini e negli adolescenti".

I casi di influenza aumentano l'afflusso nei pronto soccorso e i ricoveri in ospedale a Napoli. In Italia, attualmente, non vi sono casi da segnalare, ma il rischio di una diffusione anche qui è concreta. Ad oggi, secondo gli ultimi dati della rete Influnet dell'Istituto superiore di sanità, sono stati già colpiti 2 milioni di italiani, di cui 672mila nell'ultima settimana.

Il segretario regionale Fimmg, Alessio Nastruzzi: "quest'anno i casi sono più dell'anno scorso, ma meno gravi".

Tra le soluzioni possibili per tamponare la barellopoli ma garantire al tempo stesso assistenza sanitaria a tutti coloro che si presentano all'ospedale in via Vespucci, l'idea della direzione è quella di riservare una quota di posti letto destinata alle patologie influenzali e respiratorie in questo periodo con un ambulatorio dedicato che possa coadiuvare le attività dei medici di base.

Come riconoscere la vera influenza?

"Questi sintomi - osserva - perdurano per diversi giorni e, nei soggetti più deboli, possono insorgere gravi complicanze, purtroppo a volte dall'esito addirittura fatale".

Altre relazioni

Discuti questo articolo