Big Little Lies trionfa ai Golden Globe 2018

Ausiliatrice Cristiano
Gennaio 9, 2018

L'edizione 2018, la 75esima, condotta dal presentatore e comico Seth Meyers, è ruotata attorno all'hashtag #metoo lanciato dalle attrici di Hollywood per manifestare contro gli abusi e la discriminazione di genere che negli ultimi mesi è stata denunciata da molte addette ai lavori.

Christopher Plummer - che ha sostituito Kevin Spacey nel film "Tutti i soldi del mondo" di Ridley Scott - ai nostri microfoni ha detto di avere una grande solidarietà per le vittime, mentre Sharon Stone non è stata da meno, spiegandoci che era finalmente ora che le donne si facessero avanti.

Tra i film, quello che ha vinto più premi è stato "Tre manifesti a Ebbing, Missouri", che si è aggiudicato quattro premi su sei candidature. Ha scelto di farlo a Beverly Hills, in California, durante la serata di premiazione dei Golden Globe Awards che nel mondo del cinema è seconda sola alla Notte degli Oscar.

Due i Golden Globe per "Lady Bird", con Saoirse Ronan che vince il premio come miglior attrice. Dalla scelta del look - tutte le star erano vestite in nero come gesto di protesta - ai tanti emozionanti discorsi dal palco, da Oprah Winfrey a Laura Dern che hanno avuto al centro il tema della violenza sulle donne.

A fare incetta di premi è stata la miniserie TV "Big Little Lie": miglior attrice protagonista di questa categoria è Nicole Kidman, migliore non protagonista Laura Dern e per gli uomini non protagonisti Alexander Skarsgård.

"Nel 1982, Sidney ricevette il premio Cecil B DeMille (il "padre" del cinema americano, ndr) ai the Golden Globes e sicuramente ci sono delle ragazzine che guardano me ricevere lo stesso premio da prima donna nera. Voglio ringraziare la Hollywood Foreign Press Association e la stampa che fa un lavoro di emersione della corruzione e delle ingiustizie". "Voglio esprimere gratitudine a tutte le donne vittime di abusi perché come mia madre hanno bollette da pagare e sogni da perseguire". Morta dieci giorni fa, a 98 anni, Recy in vita non ottenne mai giustizia.

Oprah ha quindi ringraziato: "Donne e uomini fenomenali che con la loro lotta diventeranno leader in modo che nessuno potrà dire #metoo un'altra volta".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE