Ue apre indagine su Ikea in Olanda, ha evaso tasse

Paterniano Del Favero
Dicembre 18, 2017

L'antitrust della Ue ha infatti avviato un'indagine sul trattamento fiscale che l'Olanda ha riservato in particolare a Inter Ikea, con l'ipotesi che si tratti di aiuti illegali riservati al colosso svedese con intese ad hoc nel 2006 e nel 2011. Lo ha annunciato lo stesso esecutivo comunitario in un comunicato.

La testata britannica cita un rapporto secondo cui Ikea avrebbe creato due distinti gruppi attraverso una rete di società in Olanda, Lussemburgo e Liechtenstein, attraverso le quali era in grado di movimentare gli utili e avvantaggiarsi di minori imposte. Il meccanismo avrebbe permesso al gruppo svedese di eludere centinaia di milioni di tasse in tutta l'Unione europea.

"Tutte le aziende, grandi o piccole, multinazionali o no, devono pagare la giusta quantità di tasse". Questi pagano una quota di 'franchise' del 3% del loro fatturato ad Inter Ikea Systems, sussidiaria del gruppo Inter Ikea in Olanda.

Gli accordi fiscali di Ikea con il governo olandese "non violano" le normative Ue.

Dopo McDonald's, dopo la francese Engie, dopo la Apple, la scure della Commissione europea cala ora sull'Ikea. "Gli Stati membri non possono consentire ad imprese selezionate di pagarne meno permettendo loro di spostare i profitti artificialmente altrove", ha detto la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, promettendo un'indagine "attenta" sul trattamento che l'Olanda ha riservato ad Inter Ikea.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE