Il salvataggio non riesce: la Borsalino è fallita

Paterniano Del Favero
Dicembre 18, 2017

A darne notizia oggi sono stati i sindacati, che hanno in programma nel pomeriggio un incontro con i curatori, Stefano Ambrosini e Paola Barisone, e i lavoratori. Ha anche aggiunto "per quel che sappiamo al momento è ragionevole che i contratti del ramo d'affitto vadano comunque avanti, nell'interesse di tutti". I legali dell'azienda, secondo quanto appreso, stanno approfondendo il dispositivo del tribunale. È probabile un periodo di stallo non breve: il cda è intenzionato a ricorrere contro la sentenza in appello a Torino, la causa si prevede che possa essere definita da febbraio in poi, salvo eventuali giudizi di terzo grado.

A rendere il fallimento paradossale è che non sarebbero motivato da ragioni di "mercato", bensì di natura finanziaria: coinvolta nel maxi-crac del astigiano MarcoMarenco, aveva appunto tentato la strada del concordato, trovando anche un investitore, l'italo svizzero Philippe Camperio.

Il marchio di cappelli Borsalino ha 160 anni di vita.

Borsalino, la storica azienda di cappelli di Alessandria, è fallita dopo che il tribunale ha respinto la richesta di concordato di Haeres Equita Srl per evitare la bancarotta. Famosa la scena dell'addio tra i due protagonisti, Humphrey Bogart e Ingrid Bergman, entrambi con un Borsalino in testa.

Alain Delon andò oltre nel 1970, interpretando un film dal titolo "Borsalino". Bisognerà capire cosa succederà se e quando l'azienda verrà messa all'asta, peraltro probabilmente slegata dal suo marchio, che già tempo fa era stato acquistato proprio dall'imprenditore italo-svizzero.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE