Serie A: Lazio-Torino 1-3, Inzaghi furioso contro arbitro e VAR

Rufina Vignone
Dicembre 17, 2017

E' normale che debba crescere di condizione, ma sono contento, è un'arma da sfruttare in qualsiasi momento e in qualsiasi ruolo. Dà fastidio la Lazio?

Notoriamente pacato, Inzaghi continua la sua personale invettiva: "Quando succedono queste cose di continuo, sempre contro la stessa squadra, dispiace tantissimo, sopratutto per quello che fanno i ragazzi in settimana". Stasera è stato un grosso scandalo: non ci sentiamo penalizzati, di più. Idea di complotto non è pericolosa?

"Spero di non dover tornare su questioni del genere, ma che ci sia un campionato più tranquillo. Adesso si stanno dando un po' tutti il giro gli arbitri, ma il Var non deve essere un alibi". Non lo so, vedranno le immagini e vedranno che non c'è nulla, magari faranno in modo che non accada niente. I cambi? Di solito il terzo cambio me lo tengo ma oggi volevo giocarmela cercando di mettere gente fresca. A maggior ragione, lo stesso tecnico del Torino ammette senza troppi problemi a fine gara: "Potrebbe anche essere rigore - le parole di Mihajlovic - l'episodio Immobile-Burdisso?" Nel primo tempo abbiamo avuto buone occasioni, ma abbiamo sbagliato lultimo passaggio, era una partita che avremmo potuto sbloccare. "Scudetto? Possiamo pensarci, ma dobbiamo continuare su questo andamento". Noi ci siamo sentiti defraudati per la quarta partita consentiva. Dove c'era sempre Giacomelli, che lo scorso anno ci ha assegnato anche un rigore contro a Torino al 94'. Lui non lo vede, come una mischia in area o un tocco di mano, può succedere. serve proprio per questo, aiutarlo a vedere qualcosa che in diretta non è riuscito a vedere. Andremo avanti. La VAR? Stasera si discute Giacomelli ma ha diretto tutto Di Bello.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE