Reggio Emilia, svolta nell'omicidio di Fabbrico: un arresto

Bruno Cirelli
Dicembre 17, 2017

A maggio le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri di Reggio Emilia avevano portato all'arresto dell'amico del cuore della vittima, il 45enne Mustafa Ghulam accusato di avere condotto sul luogo del delitto il 22enne Ahmed Waqas, amico del cuore, di cui era segretamente innamorato, consegnandolo ai suoi aguzzini. In realtà la vicenda era diversa. Era una messinscena, durata oltre 8 mesi, per attirare in trappola ed uccidere il giovane.

Quella tragica notte di San Valentino infatti nessuna ragazza lo attendeva per fuggire con lui in Germania, ma soltanto i due uomini che volevano farlo "sparire". Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere.

L'assassino avrebbe agito per futili motivi, ossia per la rabbia dovuta a un pettegolezzo della vittima nei confronti della moglie dell'omicida. Ora però una svolta inaspettata nel caso: i carabinieri hanno arrestato l'esecutore materiale del delitto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE