Anna Mazzamauro: "Sono stata picchiata da un attore, ma non ho denunciato"

Ausiliatrice Cristiano
Dicembre 17, 2017

In un'intervista rilasciata a Carla Massi per Il Messaggero ha raccontato di essere stata malmenata da un attore durante le riprese del film diretto da Fausto Brizzi 'Poveri ma ricchi' (commedia uscita nel 2016) e di aver evitato di raccontare l'accaduto su consiglio della produzione. E ora? Ora per poter ascoltare dall'orecchio danneggiato vive con una specie di dispositivo da porre in bocca. "Mi rispose che, stando dietro la porta, l'avrei capito da sola", quindi si mise ad aspettare. "Sì, anche io che sembro sempre così forte e spavalda". Che ha poi spiegato: "Una volta entrata in scena ho detto la mia battuta". Ero sul set di 'Poveri ma ricchi'.

Anna Maria Mazzamauro (Roma, 1º dicembre 1938) è un'attrice italiana nota al grande pubblico per aver interpretato il personaggio della signorina Silvani, l'impiegata vamp della serie di fortunati film sul ragionier Ugo Fantozzi (nonostante l'attrice si fosse presentata ai provini per interpretare la parte della moglie del protagonista, Pina), ottenendo una nomination al Nastro d'Argento come miglior attrice non protagonista nel 1976 per Fantozzi e nel 1994 per Fantozzi in paradiso; la Mazzamauro non è solo una brillante caratterista e attrice comica, ma durante una carriera trentennale ha saputo distinguersi in numerosi ruoli drammatici. "Che, senza dire nulla, mi ha strattonata e picchiata sull'orecchio", ha quindi aggiunto. "Perché un processo non c'è stato e le accuse sono finite in un silenzio assordante". Una vera e propria violenza con delle conseguenze anche gravi in quanto quel colpo le provocò la lacerazione del menisco dell'orecchio e da quel momento è costretta a portare il bite.

La Mazzamauro ha rivelato che la produzione le ha chiesto esplicitamente di non fare uscire la notizia per non danneggiare la pellicola. "Ero umiliata e triste", racconta oggi.

"Potevo denunciate", dice la Mazzamauro "Ma poi ho preferito tacere".

Siccome l'aggressione è accaduta sul set, tutto è stato registrato. E la stessa produzione che, adesso, si erge a moralista nei confronti di un autore al quale legalmente non è stato riconosciuto alcun peccato. "Quando sono stata picchiata e ho mandato una civilissima ed educatissima lettera per mettere la produzione al corrente di quello che era accaduto non ho ricevuto neppure una telefonata", dice. È stato difficile tornare sul set e lavorare con quell'attore con il quale non ho più scambiato una parola.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE