La Francia ha deciso: da gennaio cellulari vietati a scuola

Paterniano Del Favero
Dicembre 15, 2017

Il ministro dell'Istruzione francese, Jean-Michel Blanquer, ha annunciato che da gennaio l'uso dei telefoni cellulari sarà vietato agli studenti delle scuole elementari e medie.

Il provvedimento era stato promesso in campagna elettorale dal presidente francese Emmanuel Macron e riguarderà tutti i bambini fino ai 14-15 anni. "Mi sembra che sia una cosa praticabile per un gruppo di persone, quindi anche in una classe", aveva rivelato Blanquer in un'intervista a settembre, spiegando di stare cercando già allora misure adeguate "a proteggere gli studenti dalle distrazioni di telefoni e schermi", che mettessero d'accordo dirigenti scolastici, insegnanti e genitori.

Vale la pena precisare che dal 2010 in Francia è già in vigore una norma che impedisce agli alunni di usare i dispositivi durante le ore di lezione, ma gli smartphone possono essere utilizzati nelle pause, a pranzo e durante l'intervallo; al contrario, con la nuova normativa, il divieto verrà esteso a anche a questi momenti di relax. I genitori permettono ai loro figli di tenere un cellulare intorno ai 9 anni di età, quando iniziano ad andare da soli a scuola.

La legge che proibisce l'uso dei cellulari durante le lezioni in Francia, in realtà, esiste già.

Detto questo, rimane da definire il miglior metodo per trasmettere ai più piccoli, privi di una propria cultura tecnologia, come utilizzare correttamente la moltitudine di accessori tecnologici a loro disposizione: scuola, ma soprattutto i genitori, dovrebbero concentrarsi maggiormente non tanto ad insegnare come far funzionare un dispositivo, ma piuttosto educarli su quale siano vantaggi e pericoli del loro utilizzo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE