Domani, venerdì 15 dicembre, sciopero dei porti. A Genova, presidio dalle 6

Bruno Cirelli
Dicembre 15, 2017

Venerdì 15, sciopero di 24 ore, nei porti italiani. A partire dalle 6 del mattino i lavoratori faranno picchetti agli ingressi di Ponte Etiopia, via Albertazzi, Terminal Messina e Psa di Voltri. Sulla Sopraelevata, in direzione ponente, si sono formate diverse code; code anche in lungomare Canepa, e disagi, anche se in forma minore, si segnalano anche a Voltri. Se non segnerà l'accordo i delegati della Compagnia Unica sono già pronti a proclamare sciopero. Positiva anche l'abolizione del comma 9 dell'articolo 17 che impediva di considerare il pool dei lavoratori per i picchi di traffico, a Genova la Culmv, come soggetto che svolge un servizio di interesse pubblico.

Lo sciopero è stato indetto contro il decreto correttivo sul lavoro portuale approvato dal Consiglio dei ministri: "Il provvedimento non è esaustivo rispetto alle nostre rivendicazioni, peraltro coincidenti con i pareri espressi dalle competenti Commissioni di Camera e Senato - hanno reso noto i sindacati - in quanto non completa e non armonizza le misure in esso contenute".

Secondo le tre organizzazioni sindacali dei trasporti "è alquanto incomprensibile l'azione ostativa del ministero dell'Economia e Finanza, assunta in Cdm, sulla possibilità di prevedere, in un quadro di politiche attive, l'accompagno all'esodo per i lavoratori dei porti al di là della facoltà previste per gravi crisi aziendali".

"Troviamo assurdo - continuano - che i lavoratori di questo settore, non godano dei benefici previsti dalla norma sui 'lavori usuranti' nonostante alcune delle loro mansioni vengano riconosciute tra i 'lavori gravosi'". Tutto ciò con l'obiettivo di "garantire le efficienze per l'intero sistema nazionale e le tutele per i lavoratori dei porti, indispensabili, oggi più che mai, soprattutto in funzione di un contesto economico dominato dalla presenza, sempre più da protagonista, dello shipping nel segmento portuale, le cui ricadute sul lavoro non sono ancora stimabili".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE