Tutti i dettagli sull'ultimo trailer di Death Stranding, spiegati da Kojima

Geronimo Vena
Dicembre 13, 2017

Naturalmente, molti hanno iniziato a spazientirsi e hanno espresso il loro disappunto in rete, accusando Kojima di sprecare il tempo e il denaro di Sony (che, ricordiamolo, ha dato carta bianchissima al creatore di Metal Gear), dietro una visione senza sostanza.

Stando a Kojima, ogni volta che moriremo verremo ridotti in uno stato vacillante tra la vita e la morte, in cui ci potremo muovere tramite una telecamera in prima persona e, per esempio, recuperare gli oggetti persi. Quindi, a seconda dei giocatori, potrebbero anche essercene dappertutto.

Niente da fare, sembra proprio che Hideo Kojima non voglia lasciare assolutamente nulla al caso nel suo nuovo, mastodontico progetto.

Secondo Kojima, il bastone ben rappresenta l'approccio tipico degli action game quando si parla di comunicazione, schema che lui vorrebbe evitare per Death Stranding, facendo sua la filosofia legata alla corda. Quando il giocatore muore arriva il game over.

Il creatore del gioco ci spiega che, dopo ogni morte, si viene teletrasportati nel punto in cui si è deceduti, ma in maniera diversa rispetto alle solite meccaniche di checkpoint, visto che il mondo continuerà ad andare avanti ed evolversi come se non si fosse mai morti, e la storia andrà avanti. Continui e il tempo torna indietro a prima della tua morte.

"Nel trailer avete visto il cratere, e quando tornate il cratere è ancora lì".

Death Stranding pare infatti ripudiare il concetto canonico di check point, in favore di un meccanismo che ricorda in un certo senso le meccaniche rese famose dalla saga di Dark Souls: ogni morte è un nuovo inizio, che porta con se le conseguenze della nostra interazione col mondo.

"In quel momento, non siete né morti né vivi". Quella era una meccanica pensata appositamente per far inserire del denaro al giocatore e non è cambiata da allora. "Tutto questo non potrebbe essere più lontano dalla realtà", esordisce Kojima. "Non ne posso parlare molto, ma foglio provare qualcosa di molto diverso per l'online", ha detto.

L'ultimo trailer si trova all'inizio del gioco, subito dopo il prologo.

"Su internet ho letto che molti pensano che io abbia speso il mio ultimo anno viaggiando e divertendomi, sprecando soldi e tempo". Stiamo procedendo così al momento.

In merito alla parola "Porter" sull'uniforme di Sam, indicando possibilmente un cognome o il suo lavoro, Kojima ha affermato che "c'è del vero a riguardo, e altro che non lo è".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE