Arbore torna con "Indietro tutta Doppia serata" su Rai2

Ausiliatrice Cristiano
Декабря 8, 2017

"Uno dei motivi per cui non ho fatto tanta Rai in questi anni, è perché la Rai non mi ha chiamato, non mi ha corteggiato abbastanza... Avranno pensato che ormai mi ero dedicato alla musica o che ero rimbambito". "Mario Orfeo, invece, lo sto ancora aspettando". Ma oltre la satira e la finta contrapposizione nord e sud, cara a Renzo Arbore e Ugo Porcelli, la vera cifra di "Indietro Tutta", era la pura improvvisazione, oltretutto l'unica possibile per un programma giornaliero.Intuizioni che rimandano ai classici del "non sense" cinematografico di Buster Keaton od Helzapoppin. "La nostra, quella di Falqui, di Trapani, di Raffaella e Corrado era la televisione più bella del mondo" spiega Arbore "Personalmente penso che l'ascolto sia importante, ma lo è di più il gradimento, la stima per il programma".

Per due prime serate, il 13 e il 20 dicembre su Rai 2, il conduttore, accompagnato da Nino Frassica e Andrea Delogu, farà rivivere la trasmissione cult in occasione del suo trentennale. Il 14 dicembre 1987 Indietro tutta debuttò in seconda serata con una media di 4,9 milioni di spettatori e del 29,4% di share. E rivendica di essere "l'unico a non aver mai tradito la Rai, andando altrove, anche se a suo tempo ebbi offerte molto sostanziose". Ma intanto, incalzato dai cronisti, Arbore sottolinea che l'oblio della Rai dura "da tempo immemorabile, da quando - spiega - sono in giro con l'Orchestra Italiana. Ora mi hanno chiamato e sono tornato", aggiunge citando "i quattro programmi fatti su Rai Storia" e "Flavio Cattaneo, miglior dg della Rai dopo Agnes".

Trent'anni dopo, Indietro tutta è ancora attuale?

Nasce così un nuovo format, Indietro tutta trenta e l'ode: "Non abbiamo voluto fare un programma nostalgia, né una reunion di combattenti e reduci invecchiati di trent'anni". Qualche volta ho chiesto io appuntamento, ma non me l'hanno dato. Andrea Delogu sarà una professoressa - ha studiato il programma più di noi - e ci mostrerà dei filmati dell'epoca in un'aula universitaria. "In studio si cercherà di ricreare l'atmosfera di allora con la conduttrice Andrea Delogu che medierà l'incontro fra i giovani ragazzi del pubblico con Renzo Arbore e Nino Frassica che risponderanno alle domande e racconteranno aneddoti legati alla trasmissione successo, insieme a "Quelli della Notte", del secondo canale rai". Oggi vogliamo fare un programma didattico.

Trent'anni fa Indietro tutta smontava con l'umorismo e l'improvvisazione, "per dirla tecnicamente, con il cazzeggio", stereotipi e falsi miti della tv commerciale. Nel programma c'era la satira di tutti gli ingredienti della televisione di intrattenimento di allora, il quiz con il suo "da dove chiama", il notaio, la valletta, il bambino usato come "entertainer", le ragazze ribattezzate "coccodè" per ironizzare sul ruolo delle donne allora preminente in televisione. La nostra era satira. Un mio piccolo merito è di aver portato grazie a L'altra domenica tantissime donne in tv, che all'epoca venivano definite 'parlanti': "Isabella Rossellini, Milly Carlucci, Silvia Annichiarico". "C'è stato un momento in cui mi veniva da piangere e ho detto: non è che mi chiama Barbara D'Urso?" sorride Frassica.

Altre relazioni

Discuti questo articolo