Milan, occasione per Paletta e Zanellato

Rufina Vignone
Декабря 7, 2017

Non conta nulla per la classifica, ma a livello mentale abbiamo bisogno di un risultato positivo. Quando si gioca in Europa e si indossa la maglia del Milan bisogna rispettarla fino alla fine. Non è un caso che il Milan corra meno di tutti in Serie A, dopo il Torino. Stiamo facendo dei carichi di lavoro importanti. Mi sarebbe piaciuto allenarmi in questo stadio stasera, l'abbiamo pensata così ma abbiamo cambiato piani poi per il lavoro dei ragazzi a Milanello. Ora dobbiamo andarci piano, senza caricare troppo per non rischiare che i giocatori si facciano male. I ragazzi mi stanno aiutando tanto e ci mettono voglia. È per questa ragione, oltre che per dare un turno di riposo ai tanti calciatori del Milan super utilizzati, che Gennaro Gattuso ha deciso di lasciare a Milan alcuni pezzi forti della rosa quali Suso, Kessiè, Bonaventura e persino il portiere Donnarumma.

L'importanza dell'UEL: "L'ho fatta la Coppa Uefa da calciatore con il Milan, abbiamo perso 4-0 con il Dortmund in Germania e non siamo riusciti a recuperarla in San Siro".

Come detto, sarà la sua prima sulla panchina del Milan lontano dall'Italia: "Sarà emozionante, come è stato emozionante il debutto di Benevento", dice Gattuso, che motiva la scelta di aver lasciato vari titolari a Milano con un "devono lavorare e recuperare". A Milan-Rijeka ho visto che atmosfera hanno portato i tifosi croati, hanno portato grande passione: mi aspetto la stessa passione domani. "Voglio far vedere a chi ci guarda che questa paura possa essere stata una coincidenza, che sappia di essere forte e che sappia migliorare, tenendo bene il campo". L'età media è di 21 anni, però voglio senso di appartenenza nei momenti di difficoltà. Il Milan ha già conquistato il primo posto nel girone la trasferta di Fiume sul campo del Rijeka vale poco più di un'amichevole.

Sul Rijeka e su Paletta, poi: "E' una squadra che rispecchia il carattere del suo allenatore e dei suoi tifosi, ho visto una squadra molto forte tecnicamente, molto organizzata, che va bene sulle fasce, con grandi individualità tecniche, che sa giocarsela". Domani partirà dal primo minuto, si allena bene ed è giusto dargli minutaggio. Biglia? Non è ancora al 100%, ma domani giocherà. I giocatori che sono arrivati non stanno dando quello che dovevano dare.

Parola anche a Locatelli: "Giocare meno mi pesa relativamente, ogni volta che vengo chiamato in causa ci sono, e devo cercare di dimostrare il mio valore". Sperem, lo dico in lombardo. Ieri era un po' stanco Kalinic, l'ho visto molto pimpante ieri. "E' tranquillo e sa che può dare tanto, come ci possono dare tanto tutti i giocatori che abbiamo a disposizione". Il gol di Brignoli?

Il goal di Benevento: "Non posso nemmeno rimproverare i ragazzi, perché con il Benevento eravamo a zona, essendo una punizione dalla trequarti". Il giocatore che sbaglia è Ignazio Abate, perché facendo un passo avanti forse avrebbe potuto prendere la palla. I giocatori del Rijeka? Misic e Braderic sono fuori. Anche loro hanno dei problemi.

Altre relazioni

Discuti questo articolo