Delitto di Arce, c'è un quarto indagato: è un altro carabiniere

Bruno Cirelli
Dicembre 7, 2017

Omicidio Serena Mollicone ultime notizie: indagata una quarta persona oltre all'ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio Marco. Si tratta di un carabiniere in servizio nella caserma di Arce nel 2001, quando la studentessa 18enne venne uccisa e il suo corpo venne fatto ritrovare legato e imbavagliato nel bosco dell'Anitrella. Il militare è stato interrogato stamattina, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. Al momento presta servizio a Cassino, ma si sta valutando la sua sospensione dal servizio. Gli attuali indagati per omicidio e occultamento di cadavere, sono l'allora maresciallo dell'Arma, Franco Mottola, il figlio Marco, che attualmente gestisce un negozio di giocattoli a Venafro, e la moglie Anna, originari di Teano. L'ipotesi di reato è di concorso in omicidio volontario.

LA SVOLTA - Dopo anni, si riaprono le indagini e arriva la svolta, grazie alla perizia del medico legale Cristina Cattaneo. Le nuove indagini si avvicinano sempre più alla verità. Serena è stata picchiata con violenti colpi al cranio e soffocata con un sacchetto intorno alla testa. Ovvero la famosa porta ammaccata della caserma dei carabinieri di Arce.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE