15enne aggredito, chiuso in bagno e costretto a masturbarsi: presi due minorenni

Bruno Cirelli
Декабря 7, 2017

Lo hanno rinchiuso in un bagno pubblico, picchiato a calci e pugni e costretto a masturbarsi. Ma non basta: la scena di autoerotismo. I fatti lo scorso 21 novembre quando, come ricostruito dai carabinieri, i due bulli, uno di 17 anni e l'altro di 15, hanno fermato il 15enne nei pressi di una scuola di Nardò.

Due minorenni di Nardò sono stati arrestati con l'accusa di rapina, sequestro di persona, violenza sessuale, pornografia minorile ed estorsione.

Il provvedimento è stato emesso dal GIP del Tribunale dei Minorenni di Lecce, su richiesta del sostituto procuratore, Imerio Tramis.

Durante le violenze, i due si sono anche impossessati del giubbotto e delle scarpe della vittima. Il video è stato successivamente trasmesso a vari coetanei mediante Whatsapp.

Le indagini dei carabinieri si sono sviluppate attraverso la testimonianza dei genitori della vittima, il video che girava su Whatsapp tra i ragazzini e le riprese delle telecamere di videosorveglianza.

Altre relazioni

Discuti questo articolo