Don Carmelo Perrello: il parroco indagato per rapporti con minorenni

Bruno Cirelli
Dicembre 6, 2017

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno sequestrato un frantoio oleario totalmente abusivo operante nella zona Macellari del capoluogo reggino.

Giuseppe Fiorini Morosini, ha sospeso un sacerdote, don Carmelo Perrello, parroco della chiesa di San Gregorio, dopo che al religioso é stato notificato un decreto di perquisizione da parte della Procura della Repubblica per detenzione di materiale pedopornografico e rapporti sessuali con minorenni. "Al momento - spiega Gaetano Paci, che da facente funzioni coordina le attività della procura - considerata la delicatezza delle indagini e il potenziale coinvolgimento di vittime minorenni, non possiamo dire di più". Le indagini sono ancora in fase preliminare, non è stata emessa infatti alcuna misura cautelare; tutto questo scalpore ha però spinto la Curia a prendere degli immediati provvedimenti nei confronti del sacerdote.

L'Arcivescovo di Reggio Calabria, Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, attraverso una nota pubblicata sulla pagina web del quotidiano Avvenire di Calabria ha esplicitato le intenzioni dell'Istituzione da lui rappresentata: "Don Parrello è stato sospeso cautelativamente dal ministero pastorale in attesa degli accertamenti giudiziari in atto". "L'Arcivescovo, fiducioso nel lavoro della Magistratura, si pone sin da ora in atteggiamento amorevole nei confronti delle presunte vittime, chiedendo perdono per l'eventuale male arrecato".

9 su 10 da parte di 34 recensori Pedofilia a Reggio Calabria.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE