Napoli, Sarri: "Senza Milik il 4-2-3-1 è un modulo accantonato"

Rufina Vignone
Dicembre 5, 2017

Poi bada al sodo: "Voglio andare agli ottavi con c**o".

Si è svolta durante il pomeriggio di oggi, martedì 5 dicembr, e la consueta conferenza stampa del pre-partita di Maurizio Sarri, alla vigilia di un match decisivo in chiave Champions.

Sull'assenza di Insigne. "Sarei tentato di giocare in 10 per dar ragione a chi dice che non cambio mai".

"Abbiamo perso Milik e non ci siamo lamentati, abbiamo perso Ghoulam e nessuno ha detto niente". E dovremo fare bene lo stesso. "Noi dobbiamo pensare solo a vincere". Con un pizzico di fortuna potremmo essere il primo Napoli capace di arrivare per due volte di fila agli ottavi e questo ci darebbe gusto. Sappiamo che sarà una gara difficile, loro sono cresciuti e sono solidi in difesa. "Quest'anno ho la sensazione che i miei in Europa si sentano in prova, siamo più determinati in campionato". E' uno schema che se ci fosse stato Milik avrebbe avuto un senso, se lo fai con un attaccante che non è una prima punta è tutto più relativo. Poi mi sono pentito di averlo fatto negli ultimi minuti col City che hanno fatto venire fuori un risultato diverso dalla partita. Con Milik l'evoluzione sarebbe stata positiva, anche venerdì scorso poteva essere utile.

Gli azzurri sono chiamati a vincere, sperando che lo Shakhtar non batta il Manchester City. E' chiaro, però, che con Milik davanti e Mertens alle sue spalle hai dei riscontri, con due giocatori che non sono prime punte è un altro discorso. "La partita di Rotterdam ci dirà se siamo grandi, i grandi si rialzano mentre gli altri no".

"Dicono che io mi lamento". Io non sono un imbecille, questa squadra ha fatto 206 punti in 91 partite, con una media di 2,27 a partita. A noi i problemi ce li creano, non esistono. Non abbiamo fatto così male come alcuni dicono. Mi sono sentito in colpa per aver mandato allo sbando i miei ragazzi. La Juve negli ultimi anni ha vinto tanto e l'abbiamo messa ai paletti per tutta la gara.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE