Presto sarà sciolto per mafia il consiglio comunale di Lamezia

Bruno Cirelli
Novembre 22, 2017

Paolo Mascaro, sindaco lametino da 2 anni e mezzo, dá per scontata la decisione del Consiglio dei ministri sullo scioglimento per mafia dell'assemblea municipale. Con grande sconcerto, ho preso atto che ci si è semplicemente limitati a chiedermi se avevo qualcosa da dichiarare, e questo, attenzione, dopo che per tre volte avevo chiesto allo Stato un incontro e dopo aver già inviate tre corpose memorie da cui si evince l'assoluta correttezza dell'operato della mia amministrazione. La dichiarazione rilasciata ai giornalisti all'uscita della Prefettura di Catanzaro è del sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro che oggi pomeriggio ha incontrato per pochi minuti il prefetto Latella assieme al tenente colonnello dei Carabinieri Greco e colonnello della Guardia di Finanza Ravasi.

Il sindaco Mascaro ritiene di dare già per sciolto il Consiglio comunale di Lamezia Terme. "Qui si sta mandando a casa un'amministrazione senza che mi sia stato dato prima la possibilità di essere ascoltato".

Mascaro ha aggiunto che "Lamezia subisce un abuso pesantissimo nella violazione di ogni principio più elementare e che non meritava sulla base degli atti e dei documenti amministrativi". L'ha detto la stessa presidentessa in occasione di un incontro a Cosenza per la sigla di un protocollo di legalità sugli appalti. Il sindaco di Lamezia ha poi attaccato il presidente della commissione parlamentare antimafia Rosi Bindi che - ha proseguito - "ieri si è permessa di dire, a procedimento ancora in corso, che c'erano elementi per lo scioglimento del Comune di Lamezia e che addirittura il Consiglio dei ministri è pronto a decidere mentre il sindaco di Lamezia solo oggi conosce l'esito della commissione".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE