Nick Carter (Backstreet Boys) accusato di stupro da Melissa Schuman

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 22, 2017

Il primo contatto tra Nick Carter e Melissa Schuman sarebbe avvenuto qualche anno prima della presunta violenza ora denunciata dalla 33enne. In un lungo post sul suo blog, Melissa racconta di essere stata violentata da Carter quando lei aveva 18 anni e lui 22. Secondo i suoi ricordi, l'aggressione sessuale seguita dalla violenza risalirebbe al 2002, quando il componente della popolare band la costrinse a praticargli del sesso orale per poi stuprarla nel suo appartamento.

Liberatasi da questo pesante fardello, la cantante ha poi lanciato sul suo blog per esortare le vittime di violenza a non restare in silenzio: "Siamo più forti nei numeri". Proprio durante una giornata libera, il biondino dei Backstreet Boys invitò la collega nel suo appartamento insieme ai rispettivi amici ma, come spesso accade in situazioni di questo tipo, a fine serata si ritrovarono da soli. A quel punto lei fu costretta a subire del sesso orale, poi a praticarlo e infine arrivò lo stupro. Dopo la violenza non riuscì a parlarne subito. Melissa Schuman ai tempi era vergine, una scelta religiosa a cui teneva molto e che a più riprese ribadì al suo aggressore. Che all'epoca non denunciò per paura, per vergogna ma soprattutto perché il suo manager glielo sconsigliò, perché convinto che, avendo Carter uno degli avvocati più potenti d'America, tutto ciò avrebbe potuto danneggiarla, con pesanti ripercussioni sulla carriera.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE